Bilancio di primavera 2024 del Regno Unito: modifiche alla tassazione per gli individui al di fuori del Regno Unito

A partire dal 6 aprile 2025, l’attuale regime del non domicilio cesserà, sostituendo il concetto di domicilio come criterio di collegamento pertinente nell’attuale struttura fiscale con quello basato sulla residenza fiscale.

Attualmente, gli individui residenti nel Regno Unito ma non domiciliati possono usufruire della base della rimessa per i primi 15 anni di residenza nel Regno Unito. Ciò significa che non sono obbligati a pagare le tasse del Regno Unito sui redditi e sugli utili guadagnati al di fuori del Regno Unito a meno che tali fondi non vengano introdotti nel Regno Unito.

Con il prossimo sistema, gli individui che scelgono di aderire a questo nuovo quadro saranno esenti dalle tasse del Regno Unito su qualsiasi reddito e guadagno estero per i loro primi 4 anni di residenza fiscale, a condizione che abbiano mantenuto lo status di non residenza fiscale nei 10 anni precedenti.

Chi ha diritto al nuovo regime?

Gli individui potranno beneficiare del nuovo regime se non sono stati residenti fiscali nel Regno Unito per almeno 10 anni fiscali consecutivi, indipendentemente dal loro status di domicilio. Il nuovo regime si applicherà per i primi 4 anni fiscali di residenza nel Regno Unito, quindi si applicherà anche ai soggetti domiciliati nel Regno Unito.

Riepilogo principale delle modifiche

Gli individui non pagheranno le tasse sui redditi e sugli utili esteri (FIG) derivanti nei primi 4 anni dopo essere diventati residenti fiscali nel Regno Unito, in cui viene presentata una richiesta. Potranno portare questi fondi nel Regno Unito senza alcun costo aggiuntivo e non ci sarà bisogno di separare o tracciare i fondi durante questo periodo. Continueranno a pagare le tasse sui redditi e sugli utili del Regno Unito, come avviene ora per le persone fisiche non domiciliate. L'individuo perderà inoltre il diritto alle indennità personali e all'importo annuale di esenzione fiscale sulle plusvalenze.

Gli individui che al 6 aprile 2025 erano residenti fiscali nel Regno Unito da meno di 4 anni (dopo 10 anni di residenza fiscale al di fuori del Regno Unito) potranno utilizzare il nuovo regime per qualsiasi anno fiscale di residenza nel Regno Unito nel resto di quei 4 anni. anni. Ad esempio, un individuo che è diventato residente nel Regno Unito nel 2022/23, dopo un periodo di 10 anni di non residenza, sarà stato residente nel Regno Unito per un massimo di 3 anni fiscali il 6 aprile 2025. Potrà richiedere sotto il nuovo regime FIG di 4 anni per il 2025/26 perché questo è il loro quarto anno dopo un periodo di 10 anni di residenza fiscale al di fuori del Regno Unito.

Disposizioni transitorie

Poiché il nuovo regime rappresenterà un cambiamento significativo per gli individui residenti non domiciliati esistenti, sono disponibili una serie di disposizioni transitorie come segue:

  • Gli individui che passano dalla base di rimessa alla base di provenienza il 6 aprile 2025 e non hanno diritto al nuovo regime quadriennale, per il 4/2025 pagheranno le tasse solo sul 26% del loro reddito estero. Ciò si applica solo al reddito estero e non si applica agli utili imponibili esteri. Dal 50/2026 in poi, le imposte saranno dovute normalmente sui redditi e sugli utili a livello mondiale.
  • Gli individui che hanno precedentemente richiesto la base imponibile della rimessa e non sono né domiciliati nel Regno Unito né considerati domiciliati entro il 6 aprile 2025, potranno scegliere di riportare le attività detenute personalmente al loro valore al 5 aprile 2019, quindi saranno tassati solo sulle plusvalenze da quella data. Ciò riguarda le cessioni avvenute a partire dal 6 aprile 2025.
  • Gli individui che sono stati precedentemente tassati sulla base delle rimesse potranno scegliere di rimettere i redditi e i guadagni esteri realizzati prima del 6 aprile 2025 al Regno Unito a un’aliquota ridotta del 12%. Si tratta di una nuova struttura temporanea di rimpatrio che sarà disponibile solo per gli anni fiscali 2025/26 e 2026/27. Questa agevolazione non si applicherà ai redditi esteri e ai guadagni generati all’interno di trust e strutture fiduciarie.

Tassazione dei beni detenuti in Trust

Dal 6 aprile 2025, la protezione dalla tassazione sui redditi e sugli utili futuri derivanti all'interno delle strutture fiduciarie (ovunque costituite) sarà rimossa per tutti gli attuali soggetti non domiciliati e considerati domiciliati che non si qualificano per il nuovo regime FIG di 4 anni.

Con il nuovo regime, finché un individuo si qualifica per il nuovo regime di 4 anni, non pagherà le tasse del Regno Unito sul reddito e sugli utili del trust man mano che si presentano o al ricevimento delle distribuzioni del trust.

Una volta che l'individuo non avrà più diritto al nuovo regime FIG di 4 anni, sarà tenuto a pagare le tasse del Regno Unito su tutti i profitti derivanti all'interno di una struttura fiduciaria da lui stabilita.

Imposta di successione

Attualmente, la responsabilità di un individuo verso l'imposta sulle successioni dipende dal suo status di domicilio e dall'ubicazione del bene in questione. Dal 6 aprile 2025, il governo intende spostare l'IHT verso un sistema basato sulla residenza e questo sarà soggetto a consultazione su come raggiungere questo obiettivo al meglio.

La tempistica dell'eventuale legislazione che attuerà le modifiche non è chiara e il governo ha suggerito che i beni mondiali di un individuo rientrerebbero nell'ambito di applicazione dell'imposta di successione nel Regno Unito una volta che l'individuo sarà residente nel Regno Unito per 10 anni. Si suggerisce che una volta che l'individuo rientra nell'ambito di applicazione dell'imposta di successione nel Regno Unito, rimarrà tale per 10 anni dopo che l'individuo avrà cessato di essere residente nel Regno Unito.

Secondo le norme attuali, i beni non britannici detenuti in strutture fiduciarie costituite da soggetti residenti non domiciliati prima che diventassero considerati domiciliati nel Regno Unito, non rientrano nell'ambito di applicazione dell'imposta di successione britannica. Il governo ha confermato che il trattamento delle attività non britanniche depositate su trust non britannici prima del 6 aprile 2025 continuerà a non rientrare nell’ambito del regime fiscale sulle successioni del Regno Unito.

Conclusione

Gli annunci in il Bilancio della primavera 2024 rappresentano il più grande cambiamento nel modo in cui le persone fisiche non domiciliate nel Regno Unito vengono tassate nel Regno Unito. Si tratta di un settore che probabilmente continuerà a svilupparsi e nei prossimi mesi emergeranno ulteriori dettagli che, si spera, consentiranno ai cittadini di prepararsi al nuovo regime con largo anticipo rispetto alla data di attuazione del 6 aprile 2025.

Se desideri ulteriori informazioni sulle nuove misure sopra descritte, non esitare a contattare il tuo referente abituale Dixcart o chiedere informazioni a consiglio@dixcart.com

Torna all'elenco