Holding del Regno Unito: cosa offre il Regno Unito come giurisdizione fiscalmente efficiente ora e dopo la Brexit

sfondo

Una delle principali ambizioni del governo del Regno Unito è stata quella di creare il sistema fiscale più competitivo del G20. Ha sviluppato strategie per sostenere, piuttosto che ostacolare, la crescita e per stimolare gli investimenti.

Ciò è stato confermato alla fine di giugno 2020, quando il primo ministro Boris Johnson ha definito i piani del governo del Regno Unito per la ripresa economica nazionale, affermando che "costruirà, costruirà, costruirà" per far fronte ai danni causati dal Covid- 19 pandemia.

Il periodo di transizione per l'uscita del Regno Unito dall'UE termina il 31 dicembre 2020.

Cosa offre il Regno Unito come giurisdizione fiscalmente efficiente?

Il governo del Regno Unito ha creato un ambiente aziendale in cui:

  • Ci sono tasse aziendali basse
  • La maggior parte del reddito da dividendi è esente da tasse
  • Esiste un'esenzione dalla tassazione sulle plusvalenze derivanti da partecipazioni rilevanti
  • Il Regno Unito ha trattati sulla doppia imposizione con più di 130 paesi (una delle più grandi reti al mondo di trattati sulla doppia imposizione)
  • Esiste un'ottima rete di trattati sulla doppia imposizione, per ridurre al minimo le ritenute alla fonte su dividendi, interessi e royalties ricevuti da una società britannica
  • Non è prevista alcuna ritenuta alla fonte sulla distribuzione dei dividendi
  • Non è prevista alcuna imposta sugli utili derivanti dalla vendita di azioni di una holding da parte di azionisti non residenti
  • Nessuna imposta sui conferimenti è applicabile sull'emissione di capitale sociale
  • Non esiste un capitale sociale minimo
  • È disponibile un'elezione per esentare le filiali estere dalla tassazione nel Regno Unito
  • Sono disponibili sgravi fiscali informali
  • La legislazione sulle società estere controllate si applica solo a profitti ristretti

Quale impatto potrebbe avere la Brexit?

Lo status relativo a una serie di efficienze fiscali di cui godono le holding britanniche sarà NON essere colpiti dalla Brexit.

Questi includono i seguenti:

Esenzione di partecipazione: praticamente tutti i dividendi ricevuti da una società britannica, siano essi dal Regno Unito o dall'estero, sono esenti da imposta. 

Esenzione dall'imposta sulle plusvalenze in caso di cessione di partecipazioni: le cessioni di partecipazioni rilevanti in società commerciali o holding di gruppi commerciali sono esenti dall'imposta britannica sulle società, a condizione che siano soddisfatte determinate condizioni.

Nessuna ritenuta alla fonte sui dividendi: il Regno Unito non applica la ritenuta alla fonte sui dividendi pagati dalle società britanniche. 

Nessuna imposizione di imposta sulle plusvalenze sugli utili derivanti dalla vendita di azioni in a Società di partecipazione: il Regno Unito non impone l'imposta sulle plusvalenze sulla vendita di azioni di una società britannica da parte di non residenti nel Regno Unito. 

Nessuna imposizione di imposta sui conferimenti sul capitale sociale: Nel Regno Unito non vi è alcuna imposta sui conferimenti sul capitale azionario versato o emesso. L'imposta di bollo allo 0.5% è dovuta sui successivi trasferimenti di azioni. 

Nessun capitale sociale minimo versato: non esiste un capitale sociale minimo versato per le normali società a responsabilità limitata nel Regno Unito. Per le società pubbliche il capitale sociale minimo emesso è di £ 50,000. 

Imposta ridotta sul reddito senza dividendi: tIl Regno Unito ha imposte societarie relativamente basse. Il tasso attuale è del 19%.

Profitti delle filiali estere: Una società del Regno Unito può scegliere che i profitti delle sue filiali estere siano esenti dall'imposta britannica.

Regimi di ricerca e sviluppo e Patent Box: il Regno Unito offre interessanti regimi di R&S e Patent Box.

Riduzione al minimo della ritenuta alla fonte su dividendi, interessi e royalty pagati alle società del Regno Unito

Il Regno Unito ha una delle più grandi reti di trattati contro la doppia imposizione al mondo. Nella maggior parte delle situazioni in cui una società britannica possiede più del 10% del capitale azionario emesso di una società straniera, l'aliquota della ritenuta alla fonte è ridotta tra lo 0% e il 15%.

Le società del Regno Unito hanno attualmente accesso alla Direttiva UE sulle società madri/filiali, nonché alla Direttiva sugli interessi e sui canoni, riducendo così a zero la ritenuta alla fonte per molti paesi europei.

Diversi paesi dell'UE non hanno le stesse leggi che disciplinano quando è possibile applicare il beneficio di queste direttive. In molti casi, quando il beneficiario effettivo finale non è residente nella giurisdizione richiedente, l'accesso alle direttive è negato.

Dopo la Brexit, le aziende del Regno Unito potrebbero non avere accesso a queste direttive.

La posizione di "ripiego" sarebbe quindi quella di richiedere uno sgravio ai sensi di uno degli accordi sulla doppia imposizione del Regno Unito. 

Conclusione

Il Regno Unito continua a essere considerato una delle giurisdizioni di holding europee preferite dalla maggior parte delle società internazionali, a causa del numero di vantaggi fiscali legittimamente disponibili.

Quali servizi aziendali nel Regno Unito può fornire Dixcart?

Dixcart è in grado di fornire una gamma completa di servizi relativi alla formazione e alla gestione di società del Regno Unito. Questi includono:

  • Costituzione di holding
  • Strutture della sede legale
  • Servizi di conformità fiscale
  • Servizi di contabilità
  • Servizi del direttore
  • Affrontare tutti gli aspetti di acquisizioni e cessioni

Contatti

Se desideri ulteriori informazioni su questo argomento, contatta Lorenzo Binge or Paolo Webb: advisor.uk@dixcart.com alla Ufficio Dixcart nel Regno Unito.

Torna all'elenco